quali spese rientrano nel cashback Quali spese rientrano nel cashback?

In questo articolo andremo a vedere insieme quali spese rientrano nel cashback e quali sono quelle che invece non possono essere eseguite con il cashback. Una cosa importante da sapere è che in qualsiasi caso le spese che possono usufruire del cashback sono solo quelle effettuate tramite carta di credito, carte ricaricabili e pagamenti digitali.

Cosa posso acquistare o pagare con il cashback?

In generale è possibile aderire al cashback di stato per qualsiasi spesa. Gli acquisti, devono, tuttavia, essere effettuati sempre e comunque tramite carte, app o comunque pagamenti di tipo digitale. Di conseguenza si possono acquistare oggetti e servizi presso:

  • Bar
  • Supermercati
  • Ristoranti
  • Negozi
  • Pagamento di prestazioni di artigiani e professionisti come avvocati, architetti, idraulici.

Inoltre, è possibile effettuare anche il pagamento della benzina o del carburante diesel se si salda il conto con bancomat, carte o App, non solo al servito ma anche al self-service sempre se l’esercente è tra quelli aderenti al programma del cashback. Non è possibile, invece, richiedere il rimborso per le operazioni eseguite presso gli sportelli bancomat o ATM, come ad esempio prelievi di contante, ricarica del telefono allo sportello automatico e via dicendo.

Quali sono le spese non ammesse

Per quanto riguarda le spese che non rientrano nel cashback di stato troviamo:

  • gli acquisti online;
  • i pagamenti necessari allo svolgimento di attività imprenditoriali e professionali;
  • le operazioni agli sportelli Atm come le ricariche telefoniche, bonifici per addebiti diretti su conto corrente, operazioni per pagamenti ricorrenti, con addebito su carta o conto corrente.

In cosa si differenzia il moneyback di Paydea?

Il moneyback di Paydea a differenza dei quello offerto dallo stato, permette ai suoi clienti di ricevere il cashback anche per gli acquisti online. Ciò consente di acquistare prodotti comodamente da casa. Ovviamente per poter procedere con questa operazione il venditore online dovrà necessariamente far parte del circuito di Paydea. Inoltre, grazie all’app di Paydea il consumatore finale e l’esercente avranno accesso al credito del cashback in maniera quasi istantanea senza dover aspettare tempi piuttosto lunghi, come solitamente avviene adoperando altri tipi di carte o conti online.

Leggi anche:  Differenze tra Paydea e Satispay

Scopri le differenze tra Moneyback e Cashback.

Gli sconti unici di Paydea

Un altro motivo per scegliere Paydea  è la possibilità di ottenere degli sconti davvero interessanti. Infatti, sulla piattaforma di Paydea e sulla sua applicazione sono presenti svariati coupon e codici sconto che permettono al consumatore di acquistare prodotti a prezzi decisamente convenienti. Inoltre, grazie alla possibilità di scegliere le categorie d’interesse l’app di Paydea procederà con l’invio di coupon e codici sconto inerenti ai prodotti e servizi che rientrano nei propri interessi. Con questo servizio l’app di Paydea si differenzia dai suoi competitor, mettendo al primo piano la soddisfazione dei propri consumatori che oltre a ricevere un cashback maggiore rispetto a quello che potrebbero avere con la concorrenza, hanno anche la possibilità di acquistare prodotti e servizi a costi nettamente minori, sempre con un rientro economico grazie al cashback. Insomma, scegliere Paydea è la mossa migliore da fare per valorizzare a pieno i propri acquisti online e non in modo pratico e veloce.

Post recenti